Alice Giaquinta, diciannove anni, scrivo ovunque.

non aspettatevi niente da me, sono confusionaria, altamente ansiosa e il mio amore per le serie tv e i libri è spropositato.
esplodo o scrivo perché è il mio stato d'animo, essenziale, una grande parte di me.
"Il cielo sopra le nostre teste e la pigrizia intorno a noi, dicevi che ti sarebbe piaciuto passare giorni interi a saziare la nostra felicità.”
— Alice Giaquinta (via comefiorialvento)
"Mi ero abituata ai viaggi non programmati fatti solo per liberarsi da ogni pressione, senza sapere dove saremo finiti, mi ero abituata ai pomeriggi passati a non fare niente e a riempirci di baci perdendo la cognizione del tempo, ad inventare nuovi modi di guardarci, nuovi modi di parlare, che potessimo capire solo noi, ma com’è seguire l’istinto e andare via?
Com’è non pentirsi mai e non guardarsi indietro, perché sai una volta tanto vorrei non tornare, vorrei essere come quei pomeriggi passati a non fare niente, inspiegabilmente necessari.”
— Alice Giaquinta (via alicegiaquinta)
"Il cielo sopra le nostre teste e la pigrizia intorno a noi, dicevi che ti sarebbe piaciuto passare giorni interi a saziare la nostra felicità.”
— Alice Giaquinta (via comefiorialvento)
"Portami lontano
dove nasce la luce
le preoccupazioni spariranno
lasciale andare
ma portami via
dove le città brillano
dove la notte si ride
e il giorno dopo
ti chiamerò
il cielo sarà caduto
ma noi
noi saremo sempre qui.”
— Alice Giaquinta (via comefiorialvento)
"Ci pensano i tuoi sguardi a farmi capire che al mondo non c’è niente di meglio che sentirsi al posto giusto.”
Alice Giaquinta (via comefiorialvento)

Due interviste in programma, una è già stata accettata, sono tutto tranne che tranquilla. HELP.

"Portami lontano
dove nasce la luce
le preoccupazioni spariranno
lasciale andare
ma portami via
dove le città brillano
dove la notte si ride
e il giorno dopo
ti chiamerò
il cielo sarà caduto
ma noi
noi saremo sempre qui.”
— Alice Giaquinta
"Mi ero abituata ai viaggi non programmati fatti solo per liberarsi da ogni pressione, senza sapere dove saremo finiti, mi ero abituata ai pomeriggi passati a non fare niente e a riempirci di baci perdendo la cognizione del tempo, ad inventare nuovi modi di guardarci, nuovi modi di parlare, che potessimo capire solo noi, ma com’è seguire l’istinto e andare via?
Com’è non pentirsi mai e non guardarsi indietro, perché sai una volta tanto vorrei non tornare, vorrei essere come quei pomeriggi passati a non fare niente, inspiegabilmente necessari.”
— Alice Giaquinta (via alicegiaquinta)

fioridiren:

corpidicarta:

Soooo excited per il nuovo progetto con fioridiren, eleonoratisi, comefiorialvento, 7disera e tante altre belle figliuole. 

Anche io, sooooooooo much. 

che emozione.

©